Elisir di Cristalli: come prepararli?

Precauzioni per preparare Elisir e Oli da massaggio con Pietre e Cristalli

Tecnicamente l’elisir nasce come un preparato a base di acqua e altre sostanze, al fine di ottenere un composto dalle proprietà terapeutiche o di guarigione. Tale processo può essere impiegato anche utilizzando oli vegetali al fine di ottenere prodotti da massaggio con caratteristiche particolari.

Secondo gli insegnamenti della Cristalloterapia, gli elisir di cristalli utilizzano l’energia e la vibrazione delle pietre e dei minerali per energizzare o caricare l’acqua. L’acqua così energizzata può essere assunta per via orale, o con poche gocce sotto la lingua più volte al giorno, o strofinata su specifiche parti del corpo, aggiunta alla vasca da bagno o spruzzata in un ambiente.

Dal momento che non tutte le pietre possono essere messe a diretto contatto con l’acqua – come si evince dalla lunga lista sottostante – il metodo indiretto può rivelarsi una valida alternativa.
Ponete le pietre che volete utilizzare in un contenitore di vetro contenente acqua distillata. All’interno del contenitore, inserite un bicchiere o una brocca di vetro contenente acqua potabile, possibilmente a basso residuo fisso. In questo modo l’acqua potabile si caricherà dell’energia delle pietre senza esserne venuta in contatto (in vetro composto di silice farà da veicolo).

E’ sempre comunque buona norma informarsi bene sulle caratteristiche chimico-fisiche dei minerali e delle loro interazioni. Mentre alcuni minerali sono infatti micronutrienti, come il rame, del quale abbiamo bisogno per sopravvivere, gli stessi possono anche essere estremamente tossici in quantità maggiori di quanto richiesto dal nostro corpo.

In particolare alcuni minerali possono risultare tossici per ingestione, inalazione o contatto!

Ecco una lista di minerali assolutamente da evitare a contatto con acqua o con oli:

– Acquamarina: contiene alluminio, tossico
– Actinolite: è una forma fibrosa di amianto, fortemente tossico
– Adamite: contiene arsenico e rame, tossico
– Ajoite: contiene alluminio e rame, tossico
– Alessandrite: contiene alluminio, tossico
– Amazzonite: contiene rame, tossico
– Angelite (Anidrite): potrebbe rovinarsi a contatto con l’acqua
– Aragonite: potrebbe contenere piombo, tossico
– Atacamite: contiene rame, tossico
– Auricalchite: contiene zinco e rame, tossico
– Azzurrite: contiene rame, tossico
– Boji Stone: contengono zolfo, tossico
– Brocantite: contiene rame, tossico
– Calcantite: contiene rame, tossico
– Calcopirite: contiene rame e zolfo, tossico
– Cavansite: contiene rame, tossico
– Celestina: contiene stronzio, tossico
– Cinabro: contiene mercurio, tossico
– Crisocolla: contiene tracce di rame, tossico
– Covellite: contiene rame e zolfo, tossico
– Cuprite: contiene rame, tossico
– Dioptasio: contiene rame, tossico
– Dumortierite: contiene alluminio
– Eliodoro: contiene alluminio, tossico
– Ematite: contiene ferro, tossico
– Fluorite: contiene fluoro, tossico
– Galena: contiene piombo, tossico
– Granato: contiene alluminio, tossico
– Iolite: contiene alluminio, tossico
– Kunzite: contiene alluminio, tossico
– Lapislazzuli: contiene tracce di zolfo, tossico
– Lepidolite: contiene alluminio, tossico
– Magnetite: contiene ferro, tossico
– Malachite: contiene rame e la sua polvere è molto tossica
– Marcasite: contiene zolfo, tossico
– Moldavite: può contenere ossido di alluminio, tossico
– Morganite: contiene alluminio, tossico
– Occhio di tigre: può contenere amianto, tossico
– Occhio di gatto: può contenere amianto, tossico
– Orpimento: contiene arsenico, molto tossico
– Pietersite: può contenere amianto, tossico
– Pietra del Sole: contiene alluminio, tossico
– Pietra di Luna: contiene alluminio, tossico
– Pirite: contiene zolfo, tossico
– Prehnite: contiene alluminio, tossico
– Rame: velenoso
– Realgar: contiene zolfo e arsenico, molto tossico
– Rubino: contiene alluminio, tossico
– Salgemma (Halite): è solubile in acqua
– Selenite: a contatto con acqua si deteriora
– Serpentino: gruppo degli amianti, tossico
– Smeraldo: contiene alluminio, tossico
– Smithsonite: può contenere zinco e rame, tossici
– Sodalite: contiene alluminio, tossico
– Spinello: contiene alluminio, tossico
– Spodumene: contiene alluminio, tossico
– Staurolite: contiene alluminio, tossico
– Stibnite: contiene piombo e antimonio, molto tossico
– Stilbite: contiene alluminio, tossico
– Sugilite: contiene alluminio, tossico
– Tanzanite: contiene alluminio, tossico
– Topazio: contiene alluminio, tossico
– Tormalina: contiene alluminio, tossico
– Turchese: contiene alluminio e rame, tossico
– Ulexite: contiene boro, tossico
– Vanadinite: contiene vanadio, tossico
– Variscite: contiene alluminio, tossico
– Vesuvianite: contiene alluminio, tossico
– Wavellite: contiene alluminio, tossico
– Wulfenite: contiene piombo e molibdeno, tossico
– Zaffiro: contiene alluminio, tossico
– Zircone: radioattivo
– Zoisite: contiene alluminio, tossico
– Zolfo: a contatto con acqua genera acido solforico, veleno

Nota bene – Si prega di essere consapevoli del fatto che questa è una lista parziale, e di informarsi sempre personalmente molto bene sulle caratteristiche chimiche dei minerali che si intende utilizzare, consultando un mineralogista, uno specialista sanitario o un altro professionista.

Spero possa tornarvi utile e vi invito a condividere per diffondere informazioni chiare e corrette.

Siate sempre prudenti e acquistate solo da professionisti seri e preparati.

Se avete dubbi su qualche pietra o qualche nome strano, contattatemi senza problemi a me fa piacere 😊

Alla prossima,

Gennaro

Testo e Foto Editing: © Gennaro Giovatore

– Se sei un utente Facebook puoi seguirmi sul mio gruppo “Gruppo di studio e condivisione sulla Gemmologia e sulla Cristalloterapia”

– Per rimanere aggiornato sul meraviglioso mondo dei minerali, delle gemme e dei cristalli puoi iscriverti alla mia  Newsletter!

Leggere Attentamente

Tutte le informazioni contenute in questo sito sono da intendersi nè a finalità terapeutiche, nè a finalità estetiche ma sono finalizzate esclusivamente per promuovere una maggiore conoscenza del mondo che ci circonda. Si declina ogni responsabilità per un uso improprio delle informazioni presenti in questo sito e si sottolinea che esse sono di natura generale e a scopo puramente divulgativo e che non possono sostituire in alcun caso il consiglio o il parere di un medico abilitato (ovvero un laureato in medicina, abilitato alla professione) o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, farmacisti, fisioterapisti, psicoterapeuti, psicologi, e così via). Le pietre ed i cristalli non possono e non devono essere utilizzati al posto di un trattamento medico regolare. Si raccomanda di cercare sempre un aiuto professionale quando si presentano problemi seri o di salute.

Autore dell'articolo: Gennaro Giovatore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *