Quarzo naturale o vetro artificiale..?

Punte di vetro artificiale. Photo: Wei store

Il Quarzo si sa, di tutti i minerali è di sicuro fra quelli più noti e più diffusi ma, ahimè, anche fra i più imitati.

Uno dei mercati più floridi per il commercio del Quarzo imitazione è la Cina, da cui arrivano ‘presunte’ punte di Quarzo, realizzate con comune vetro artificiale, spesso sagomate e lucidate per renderle ancora più simili alle punte naturali. Alcune di queste, generalmente incolori, rossastre o giallastre, vengono sottoposte anche a shock termico, col fine di creare fratture multiple interne per imitare quelle presenti nel Quarzo naturale. La particolare limpidezza e trasparenza di queste punte artificiali è data dall’aggiunta del piombo nel vetro fuso: più alto è il contenuto di piombo, maggiore sarà la qualità del prodotto in vetro. Il Quarzo naturale raramente è completamente limpido, e spesso mostra inclusioni multiple chiare, simili a piccoli veli o macchie astratte irregolari.

Quarzo, punte naturali. Photo: Gennaro Giovatore

Ma come poter distinguere un Quarzo naturale da una imitazione in vetro?

Ecco alcuni indizi che ci possono aiutare:

– Superfici troppo lisce: le punte di Quarzo naturale raramente sono tutte lisce e presentano spesso piccole incisioni o rilievi superficiali; se la vostra punta ha superfici perfettamente lisce, o si tratta di una punta di Quarzo naturale lucidata dall’uomo, oppure si tratta di vetro a imitazione del Quarzo.
– Le punte di Quarzo naturale generalmente hanno sei lati, sempre di spessore diverso fra loro, e un vertice con sei faccette, raramente tutte e sei perfettamente triangolari.
– Bollicine incluse: i materiali realizzati in vetro, come punte o sfere, per imitare il Quarzo, contengono spesso piccole bollicine d’aria rimaste imprigionate nel processo di fusione (vedi foto riquadro); armatevi di una buona lente e scrutate attentamente l’interno del vostro campione.
– Durezza: il Quarzo naturale è molto più duro del vetro comune, tale da riuscire a graffiarlo. Inoltre, il Quarzo naturale resiste anche ad una comune punta metallica (forbici o coltellino).
– Resistenza: i cristalli di Quarzo naturale possono sopportare temperature e pressioni molto più elevate rispetto al vetro comune.
Cabochon di vetro artificiale imitazione quarzo, con numerose bollicine visibili al microscopio. Photo: gemgazer
 
Test durezza Quarzo vs vetro. Photo: GVSU HSAG

Satyaloka Azeztulite Quartz. Photo: soulfulcrystals

In commercio esistono anche numerose pietre vendute come Quarzi ‘speciali‘, fra cui Azeztulite e Satyaloka, denominazioni commerciali per comune Quarzo.

 
Oltre alle imitazioni in vetro, esiste in commercio anche il Quarzo sintetico, ovvero un materiale prodotto in laboratorio avente stessa composizione chimica e stesse caratteristiche fisiche della controparte naturale. Per identificare questo tipo di materiale sono necessari test con strumenti gemmologici, quali osservazione al microscopio e utilizzo del polariscopio.
 
Photo: DonŸÿ Deuber

Da qualche anno sono presenti nelle fiere di minerali anche aggregati di quarzo Ametista sintetici, gradevoli esteticamente, ma creati in laboratorio.

Spero possa tornarvi utile e vi invito a condividere per diffondere informazioni chiare e corrette.
Non fidatevi delle apparenze e siate sempre cauti nell’acquistare da chi non è un professionista serio e preparato.
Se avete dubbi su qualche pietra o qualche nome strano, contattatemi senza problemi a me fa piacere.

Alla prossima,

Gennaro

Testo e Foto Editing: © Gennaro Giovatore

– Se sei un utente Facebook puoi seguirmi sul mio gruppo “Gruppo di studio e condivisione sulla Gemmologia e sulla Cristalloterapia”

– Per rimanere aggiornato sul meraviglioso mondo dei minerali, delle gemme e dei cristalli puoi iscriverti alla mia  Newsletter!

Potrebbero interessarti anche:

– Cracked Quartz.. cos’è veramente?

– Topazio Mystic, bello.. ma cos’è veramente?

– Occhio alle Ossidiane colorate!!

 

Leggere Attentamente

Tutte le informazioni contenute in questo sito sono da intendersi nè a finalità terapeutiche, nè a finalità estetiche ma sono finalizzate esclusivamente per promuovere una maggiore conoscenza del mondo che ci circonda. Si declina ogni responsabilità per un uso improprio delle informazioni presenti in questo sito e si sottolinea che esse sono di natura generale e a scopo puramente divulgativo e che non possono sostituire in alcun caso il consiglio o il parere di un medico abilitato (ovvero un laureato in medicina, abilitato alla professione) o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, farmacisti, fisioterapisti, psicoterapeuti, psicologi, e così via). Le pietre ed i cristalli non possono e non devono essere utilizzati al posto di un trattamento medico regolare. Si raccomanda di cercare sempre un aiuto professionale quando si presentano problemi seri o di salute.

Autore dell'articolo: Gennaro Giovatore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *